3 Dicembre 2019
CARBURANTE AGRICOLO: ECCO A CHI E COME

Facciamo il punto sull’assegnazione agevolata di benzina e gasolio

L’assegnazione del carburante agricolo agevolato è determinata per singolo soggetto beneficiario richiedente, sulla base dei quantitativi per singola lavorazione contenuti nelle tabelle ettaro coltura approvate con deliberazione della Giunta Regionale N.582 del 2016. L’agevolazione consiste nello sconto di accisa, pari al 78% per il gasolio e del 51% per la benzina, ottenuto dal beneficiario al momento dell'acquisto del carburante (acquisto a prezzo agevolato).

ECCO A CHI SPETTA SECONDO IL DM 454/2001

a) è ammessa l’assegnazione di carburante agevolato per le lavorazioni, che essi svolgono presso le loro aziende  agricole, utilizzando le macchine e le attrezzature di cui sono in possesso, per:

- colture

- allevamento(per la sola quota di animali connessi con il reddito agrario dell’azienda in Dichiarazione Redditi)

- riscaldamento delle serre e delle fungaie

- trasformazione dei prodotti della propria azienda (caseificio, cantina, oleificio)

b) cooperative, parimenti iscritte nel registro delle imprese

Le cooperative possono ottenere l’assegnazione del carburante agevolato per:

- lavori che svolgono sui terreni, che hanno in conduzione come cooperativa (cooperative di conduzione terreni)

- lavori che svolgono sui terreni dei soci (cooperative di servizio)

- lavorazioni che svolgono nei propri impianti per conto dei soci (cooperative di trasformazione)

In quest’ultimo caso il carburante assegnato deve riguardare solamente la quantità conferita dai soci e non quella acquistata all’esterno della compagine sociale.

La cooperativa e tutti i soci della cooperativa devono essere iscritti presso la  CCIAA

c) aziende agricole delle istituzioni pubbliche

L’istituzione pubblica che ha un’azienda agricola in conduzione e chiede l’assegnazione del carburante agricolo non ha l’obbligo di essere iscritta in CCIAA.

I contoterzisti non possono svolgere lavorazioni per conto delle istituzioni pubbliche utilizzando carburante agevolato se queste non sono iscritte presso la CCIAA.

d) consorzi di bonifica e di irrigazione

Possono ottenere l’assegnazione del carburante agricolo agevolato per i lavori eseguiti nei loro comprensori e per lo svolgimento delle loro attività istituzionali: pulizia e manutenzione dei canali e degli scoli di loro competenza e per l’irrigazione.

Non hanno l’obbligo di iscrizione alla CCIAA.

I contoterzisti non possono svolgere lavorazioni per conto dei consorzi di bonifica e irrigazione utilizzando carburante agevolato.

e) imprese agromeccaniche iscritte nel registro delle imprese.

Il carburante spetta per le lavorazioni agricole svolte a favore delle imprese agricole loro clienti parimenti iscritte presso la CCIAA.

Le imprese miste, che svolgono attività conto terzi e conto proprio possono usufruire del carburante agevolato per l’attività conto terzi solo se quest’ultima risulta prevalente (iscrizione CCIAA con attività conto terzi prevalente)

ECCO I VINCOLI PER OTTENERE L’ASSEGNAZIONE

Occorre l’iscrizione presso la CCIAA, il possesso di macchine ed attrezzature per lo svolgimento delle lavorazioni sui terreni, negli allevamenti e nei fabbricati:

  • Entro il 30 giugno di ogni anno,  i soggetti titolari dell’assegnazione del carburante devono presentare una dichiarazione di avvenuto impiego nella quale indicano i quantitativi utilizzati e quelli non utilizzati (residuo o accisa), nonché le lavorazioni eseguite in loro favore dalle imprese agromeccaniche.

  • La mancata dichiarazione dei consumi comporta l’inadempienza del beneficiario che verrà sanzionato.

 

A cura di Astrid Speciale

Campagna Amica

Campagna Amica

Portale Coldiretti Veneto Formazione

Portale Coldiretti Veneto Formazione

Portale e-Learning Coldiretti Veneto

Portale Coldiretti Veneto e-Learning